nel

Murubutu e Dia (Diapo Saund) Temporale – Testo (lyrics)

 

TITOLO : Temporale 

ARTISTA : Murubutu

ARTISTA : Dia (Diapo Saund) 

Anno Uscita 2022

 

 

TopLyrics: Temporale – Murubutu e Dia (Diapo Saund)

Tu sei casa mia

Tra le foglie di eucalipti lungo tutto il via-
Le magnolie in mezzo ai vicoli fra case e bar
I tronchi torti degli ulivi sopra le montagne
Che fissavano il tramonto e le sue due metà
Quelle case un po’ inclinate là in cerca del mar
Col suo ritmo e il suo respiro da divinità
I suoi ricordi mescolati come dentro a un puzzle
Ritornavano ora a posto per affinità
Clara rivide i bordi del borgo, gli stormi sul porto
Ogni vite contorta e le forme degli orti a strapiombo
Sotto il cielo fragile gli aranci e le zagare
E il fiore gigante dell’agave con le nubi di sfondo
Ritrovare quel mondo dopo gli anni lontani
Quando il passato sembrava ormai scivolare via
Quando ogni spiaggia di sabbia e ghiaia ricordava casa
E nell’aria s’alzava amara la malinconia
Poi là oltre il paese, sotto al monte con l’eremo
C’era il suo mare turchese, imponente e magnetico
E il vento là da ponente, possente e collerico
Che riempiva le vele e le vene di un tremito

E come pioggia sul mare
Lo schianto del temporale
Il mare mosso dal fondo che lancia le onde
Riempie l’aria di sale
Come tempesta dal cielo
Ora capisco davvero
Tutto il senso profondo di ogni sogno e ricordo
Solo quando ti vedo
Come ho fatto ad andare via?
Tu sei casa mia

E lui sembrava parlarle con le sue frange di schiuma
Col suo vento costante sui porti fra le torri di pura bruma
Dal suo ventre vibrante pieno di barche scomparse
Mandava onde giganti agli scogli per chiederle scusa
Calava al mattino una pioggia di acqua marina
Che scendeva giù all’alba dalla collina fino a Santa Margherita
E s’appoggiava impalpabile evidenziando le sagome
Delle persone scomparse e i ricordi di tutta una vita
Poi vide sé stessa bambina coi piedi sulla battigia
E i vecchi cucire le reti sulla banchina in rovina
E poi rivide sé stessa col marito disperso
Passare a braccetto, passarle attraverso nella via verso la vigna
Aveva pianto tanto su quella spiaggia di quarzo
Ed era scappata lontano proprio per non odiarlo
Lei che amava guardarlo nel vento cauto di marzo
E davanti al suo vasto manto cobalto riempirsi di spazio
Coi ricordi più forti, raccolti dai fiotti
(Coi ricordi dai fiotti raccolti)
Fra i vortici enormi delle onde a singhiozzo
(Dai fiotti tra i vortici, no)
Un sorriso labile e timido, un’immagine e un brivido
Con le lacrime in bilico sulle sponde degli occhi
E non poteva che tornarlo ad amare ora che lo rivedeva (Sai)
Cullata nell’ansa dalla danza delle onde theta (E lui)
E le offriva galante sulle sue sponde di pietra (Cosa?)
Pace nella vita dopo un’antica bufera

E come pioggia sul mare
Lo schianto del temporale
Il mare mosso dal fondo che lancia le onde
Riempie l’aria di sale
Come tempesta dal cielo
Ora capisco davvero
Tutto il senso profondo di ogni sogno e ricordo
Solo quando ti vedo
Come ho fatto ad andare via?
Tu sei casa mia
Tu sei casa mia

 

Cosa ne pensi?

Scritto da toplyrics

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Murubutu Il migliore dei mondi – Testo (lyrics)

Nuvole – Murubutu ft Dia (Diapo Saund) e Lion D- Testo (lyrics)