nel

Diluvio universale – Murubutu ft DJ Caster e En?gma- Testo (lyrics)

 

TITOLO : Diluvio universale 

ARTISTA : Murubutu

ARTISTA : DJ Caster 

ARTISTA : En?gma

Anno Uscita 2022

 

 

TopLyrics: Diluvio universale – Murubutu ft DJ Caster e En?gma

E Dio vide che nell’uomo sopra al globo c’era il male presente
Era un male immanente
Così volle sterminare ogni animale terrestre, sia umani che bestie
Con un mare celeste

Manda in aria i corpi, s’alza sopra i monti
Guarda l’acqua che si innalza per quaranta giorni (Uh uh)
Quando aprì le cateratte del cielo (Uh uh)
Un nuovo mondo che riparte da zero
Sale là tra i ponti, che scavalca i monti
Guarda l’acqua che si innalza per quaranta notti (Uh uh)
Dio che aprì le caterattе del cielo (Uh uh uh uh)
Sopra al mondo terrеno

Nient’altra fine possibile che diluvio, alluvione totale
Come il mito di Gilgamesh, il ritorno alla fase aurorale
Perso nell’iride, nel ricordo del mare che sale
Noè il capostipite, un mondo nuovo mondato dal male
All’inizio era pioggia ma nessuno credeva al diluvio
Si scavò lì le rocce poi allagò le pianure nel buio
Crebbero i fiumi, crebbero nubi di cumuli
E il mare sopra le rupi superò i quindici cubiti
Ma il Dio cieco ha più nomi, la furia del cataclisma
Come nel mito greco, Deucalione con Pirra
Hey, l’arca è in cipresso che ondeggia in mezzo a tempeste
Che chi cercava salvezza non trovò più terre emerse
Dio si pente dell’uomo sul globo e tesse il supplizio
Dio che sente dell’odio per l’odio ne esce sconfitto
E se ne esce tradito, è un Dio che ne esce fallito
Nessun delitto e conflitto ha diritto, neanche il delitto divino
E Dio volle che ora l’uomo su ogni suolo lì sparisse nel niente
L’abisso terrestre
Peccato che ogni uomo che poi visse il presente
Tornasse più cattivo e più maligno di sempre

Manda in aria i corpi, s’alza sopra i monti
Guarda l’acqua che si innalza per quaranta giorni (Uh uh)
Quando aprì le cateratte del cielo (Uh uh)
Un nuovo mondo che riparte da zero
Sale là tra i ponti, che scavalca i monti
Guarda l’acqua che si innalza per quaranta notti (Uh uh)
Dio che aprì le cateratte del cielo (Uh uh uh uh)
Sopra al mondo terreno

Lo sguardo, in maniera naturale, si rivolse alla volta celeste, che divenne acqua (Oh)
Da Babele presuntuosa, stessa lingua ma corrotta
Divergenza pretestuosa porta a guerra poliglotta
Ogni dio guarda da sopra e la sua furia sfocia in pioggia
L’arca no, non ci salvò, qua s’è persa fuori rotta
Hey, Terranova [?] lampi di pagine
Non c’è acqua che riporterà fertilità a Cartagine
Segui l’immagine, il nubifragio che incombe tuttora
È la delusione di ogni nostro antenato che gronda lacrime
Da lassù, sorry mama cerco vita in altri mondi che ora Gaia è disumana
Mentre ho l’ego che mi chiama, sì ma l’anima tuonava
Meritata a braccia aperte aspetto certo la buriana, ah oh
Il Paradiso nell’abisso
Lo tsunami nell’Olimpo
E le vette scogli mentre ogni incubo ci affoga i sogni

Manda in aria i colpi, si alza sopra i monti
Guarda l’acqua che si innalza per quaranta giorni (Uh uh)
Quando aprì le cateratte del cielo (Uh uh)
Un nuovo mondo che riparte da zero
Sale là tra i ponti, che scavalca i monti
Guarda l’acqua che si innalza per quaranta notti (Uh uh)
Dio che aprì le cateratte del cielo (Uh uh uh uh)
Sopra al mondo terreno

Guarda l’acqua che si innalza per quaranta giorni
Nubifragio che incombe tuttora

 

Cosa ne pensi?

Scritto da toplyrics

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Murubutu e Dhany Palazzo di gemme – Testo (lyrics)

Bruno Mariano Più che perfetto – Testo (lyrics)